Convegno sui ritrovamenti anforici nel Mediterraneo

Cetraro. Convegno sui ritrovamenti anforici nel Mediterraneo

Si terrà lunedì 5 agosto 2013, ore 21, il convegno organizzato dal Comitato Pro-Monte Serra sui ritrovamenti anforici nel mediterraneo. Sede del convegno sarà la suggestiva location del Monte Serra. Parteciperanno il sindaco, Giuseppe Aieta, il rettore del Santuario, Don Ennio Stamile, l’archeologo e docente all’università di Messina, Fabrizio Mollo, il responsabile della cooperativa CASTER e responsabile del museo civico, Luigi Orsino. Modererà l’assessore alla cultura, Fabio Angilica.” Dopo l’apertura del museo civico – ha dichiarato il Sindaco Aieta – con una sezione dedicata al mare, alla navigazione e al commercio dell’antichità della costa,con uno spazio riservato alle riproduzioni in scala delle diverse imbarcazioni tipiche dell’antichità, con strumenti della pesca recuperati in contesti archeologici antichi e con l’esposizione di diverse anfore greco-romane, le quali testimoniano che il nostro mare possedeva da allora un buon traffico marino, si é diffuso un virtuoso interesse tra i cittadini, i diportisti e i turisti agevolato dalla efficiente e qualificata gestione della cooperativa CASTER che ha saputo rendere appetibile un luogo come il museo che, negli ultimi tempi, sta registrando migliaia di presenze non solo di curiosi visitatori ma anche di uomini appartenenti al mondo accademico e scientifico. Il convegno servirà a fare il punto sulle attività in corso in riferimento alla nuova campagna di scavi e al moderno allestimento attraverso strumenti informatici che si stanno impiantando presso il museo grazie ad un nuovo finanziamento regionale. Devo necessariamente ringraziare il comitato pro-Monte Serra e il Rettore del Santuario, Don Ennio Stamile,per la sensibilità che ormai da tempo stanno dimostrando rispetto alle attività culturali che interessano la città. Aver saputo fondere le attività religiose con quelle culturali è stato un modo alternativo per rivivere il Monte Serra, tra l’altro, oggetto in questi giorni di interventi di manutenzione sul sistema viario che renderanno più agevole raggiungere il Santuario Mariano della Madonna della Neve venerata da migliaia di fedeli proprio in questi giorni di festa”.